philosophy and social criticism

Il segreto nel nome. Il ritratto

"Pitocchetto"

Giacomo Ceruti detto “Il Pitocchetto”: Pitocco col bastone, olio su tela, 1735 ca.

di Jurij M. Lotman

Il ritratto antico – l’impronta del dito sull’argilla – rivela già una doppia funzione di partenza: esso vale non solo come qualcosa che sostituisce una persona (oppure la indica), ma anche come quella stessa persona ossia è qualcosa di separabile e inseparabile dall’individuo, inseparabile nel senso in cui non è separabile un piede o una testa.

Analoga è la funzione del nome che, pur essendo indubbiamente un segno, non viene assimilato né grammaticalmente né funzionalmente alle altre parole della lingua.

Per questo motivo il nome, nella cultura arcaica, costituiva un segreto. In ciò era come se rimandasse a una parte del corpo, oltretutto la parte più intima.

Cita questo articolo: Il segreto nel nome. Il ritratto, "Tysm". Published 9 giugno 2015. Last accessed 17 ottobre 2018. http://tysm.org/il-segreto-nel-nome-il-ritratto/

 

tysm
philosophy and social criticism

vol. 25, issue no. 25

june 2015

ISSN: 2037-0857

creative commons licensethis opera by t ysm is licensed under a creative commons attribuzione-non opere derivate 3.0 unported license. based on a work at www.tysm.org

Download this article as an e-bookDownload this article as an e-book