philosophy and social criticism

Chi si salva è perduto

Tony Cragg, Dices

di Gianni Scalia

Si inizia a dire «di ciò che ho perduto»; poi, andando avanti, per esempio con Montale, si dirà «di ciò che è perduto». Ho perduto perché in realtà si è perduto dall’origine. È ontologica la perdita, non psicologica e neanche morale. È il perduto o per meglio dire il mancante…

C’è anche Mallarmé, il “colpo di dadi”…

Quello però rappresenta la chance. Il gioco. È un gioco pericoloso, che può essere mortale. ( Comunque la frase di Mallarmé che riassume un po’ tutto per noi, che più che poeti siamo critici, cultori, amatori della poesia, è questa: «La poesia corregge i difetti della lingua». Il che vuol dire che io lavoro con delle parole, ci gioco, ma nel senso più ampio di jouer. Non solo il gioco che intendono le avanguardie o le neoavanguardie, ma il vero e proprio giocarsi (basti solo pensare a Ungaretti e al suo modo di jouer la sua poesia, di arrivare a coinvolgerla). Non si possono ingannare le parole. Al limite sono le parole che ingannano te.

E un’illusione proprio nel senso etimologico. In ludere: entrare nel gioco. I poeti sono dei giocatori che sono “giocati”: vinti dalle parole, ma che però ludent, sono appunto giocanti. Proprio in quanto “giocati” diventano “giocanti”.

Quindi si può dire che è più grande chi perde?

Guarda, tra tanti poeti chi è che resiste veramente? Solo chi si è “giocato” perderà la propria anima e quindi riuscirà. Solo chi perde la propria anima si salva, non chi vuole salvarsi l’anima. Chi vuole salvarsi l’anima è diventato proverbialmente un ingannatore. Solo se il gioco ti gioca tu riesci a giocare, altrimenti rimani “giocato”. 

[da Valentino Fossati – Guido Monti, Accademico di nessuna accademia. Conversazioni con Gianni Scalia, Marietti 1820, Genova-Milano 2010, pp. 59-60].

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

tysm literary review, Vol 2, No. 4 – april 2013

Creative Commons LicenseThis opera by t ysm is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 3.0 Unported License. Based on a work at www.tysm.org.

ISSN:2037-0857

Download this article as an e-bookDownload this article as an e-book