philosophy and social criticism

Non c’è più niente da raccontare

"Paolo Volponi"!

di Paolo Volponi

Niente. Non c’è niente da raccontare. Non si racconta più. Lo stato procede, si ferma, si corregge secondo la crisi che gli è stata assegnata dall’industria.

La crisi delle istituzioni è crisi delle sovrastrutture e delle produzioni. Non c’è proprio niente da raccontare. Non c`è più Madame Bovary.

Ci sono le categorie sessuali, i prodotti farmaceutici, letterari, cinematografici, dietetici, comportamentali. obbligativi. Si poterebbe raccontare come mille mogli tradiscono tutti insieme, sopra la stessa biancheria, i loro mariti appesantiti dal lavoro e dall’ingenuità?

I giocatori, i ribelli, gli assassini, i pescatori, i ricchi, gli avari, gli incapaci, sono ormai a milioni, tutti uguali nel mondo.

tratto da Paolo Volponi, Le mosche del capitale, Einaudi, Torino 1989

Cita questo articolo: Non c’è più niente da raccontare, "Tysm". Published 2 Maggio 2015. Last accessed 18 Febbraio 2020. https://tysm.org/non-ce-piu-niente-da-raccontare/

 

tysm review

vol. 24, issue no. 24

may 2015

ISSN: 2037-0857

creative commons licensethis opera by t ysm is licensed under a creative commons attribuzione-non opere derivate 3.0 unported license. based on a work at www.tysm.org

Download this article as an e-bookDownload this article as an e-book